MARCO GAL

 

Posie tradotte da John Shepley

 

Pavioule

Dj'i euna conta de pavioule

a vo féye,

euna conta de pavioule.

Tcheut le dzor no remarquen

l'imoralitou de la nateua,

yaou lo meueto l'at pa de place,

yaou la fôce l'est la seula meseua

avouë la malice et la via

di s-espéce que se medzon entre leur

avance su lo mouë di mor.

Dj'i euna conta de pavioule

a vo féye,

euna conta de pavioule.

(Da A l'enšon = Sul limite, Imprimerie valdotaine, 1998)

 

Farfalle - Ho una storia di farfalle / da raccontarvi, / una storia di / farfalle. / Ogni giorno constatiamo / l'immoralità della natura, / ove il merito non ha valore, /ove la forza è la sola misura / insieme con l'astuzia e la vita / delle specie che si divorano tra loro / avanza sul cumulo dei morti. / Ho una storia di farfalle. / da raccontarvi, / una storia di farfalle.

 

Méye

Totta la nèye via

de ner faoudèr vëtuya

sensa eun sondzo de pavioula

blantse euntremë di dèi que sìe

pa ëtou eun pétchià d'èspéance.

Méye laméye,

te crouéye vie améye

euncô fan ombra

dessu le jouéce réye

de la sémén de te s-antraille,

brichatte euncô di son

deur di travaille

et di gou apro di maleur.

(Da A' l'enšon = Sul limite, Imprimerie valdotaine, 1998)

 

Madre - Tutta la nera vita / di neri grembiuli vestita / senza un sogno / di farfalla / bianca tra le dita che non sia / stato un peccato di speranza / Madre amata, / le tue tribolazioni amare / ancora fanno ombra / sulle gioie rare / del seme delle tue viscere, / cullato ancora dal suono / duro della fatica / e dal gusto aspro della sventura.

 

Patse

A sèfan m'at arritou la mor

de se man frèide

et m'at avèitchà avouë se jeu gri.

Dj'i deut-lèl - Lèissa-me, te prèyo,

soplé. Maque te demando de possèi

cougnëtre devan l'amour.

Avouë llieu dj'i fé euna patse.

L'est pe cen que dze foulyo

l'amour comme la mor.

(Da A' l'enšon = Sul limite, Imprimerie valdotaine, 1998)

 

Patto - A sedici anni mi ha fermato la morte / con le sue inani fredde / e mi ha guardato con i suoi occhi grigi. / Le ho detto - Lasciami, ti prego, / ti supplico Solo ti chiedo di potere / conoscere prima l'amore.- Con lei ho stretto un patto. / È per questo che fuggo / L'amore come la morte.

 

Éducachon

Come l'est deurt de t'éduquë a mouere

eun t'éduquen a vivre, té que te greumpeuille

dessui l'avëi comme se te déyuche jamë tchëre

Te dèi apprendre a éisistë dessu lo vouido di mistéro

comme llià a eun amour eumpossiblo que jamë

te pourríe pénétrë et cougnëtre,

lèi vequi protso eun senten lo seun souflo

terriblo et douce t'eunveloppë comme eun vouìdo

et comme euna plénitùide.

Te fa pa t'eumprechon-ë

se la cllioupa l'at fé lo ni deun lo teun abro

et tcheut le seun bitchion de mor

crèisson i son de sa plénte.

A la feun te te fondrè deudeun l'eumbrassemen

sensa reponse.

(Da A' l'enšon = Sul limite, Imprimerie valdotaine, 1998)

 

Educazione - Com'è duro educarti a morire / educandoti a vivere, tu che ti arrampichi / sull'avvenire come se non dovessi mai cadere. / Devi imparare a esistere sul baratro del mistero / come legato a un amore impossibile / che mai potrai penetrare e conoscere, / vivergli accanto sentendo il suo respiro / terribile e dolce avvilupparti come un vuoto / e come una plenitudine. / Non ti devi impressionare / se l'upupa ha fatto il suo nido nel tuo albero / e tutti i suoi piccoli di morte / crescono al suono del suo lamento. / Alla fine ti fonderai nell' abbraccio senza risposte.

 

Andze eumpeur

Fleur de ma fleur

que te te fé

sèinë de plèisi

pe le foille catchià

de la planta di mondo

magaa te sen pe le rèice

totta la meusecca de la téra

et ti protso di coeur

yaou beusse la voya

de la bëtche éternella.

Té t'ë cheur l'andze eumpeur

que l'at pa de péce, que l'at pe meseua

la nateua ëtourdya

de sa libra jouéce.

Quan te la bèise

fran dessu lo jeu

sensiblo de l'univer

rapella-no a sa douça radze.

(Da Ecolie = Acque perdute, Musumeci, 1991)

 

Angelo impuro - Fiore del mio fiore / che ti fai / sanguinare di piacere tra le foglie nascosto / della pianta del mondo / forse senti nelle radici / tutta la musica della terra / e sei vicino al cuore / ove batte la voglia / della bestia eterna. / Di sicuro sei l'angelo impuro / che non ha pace, / che ha per misura / la natura stordita / della sua libera gloia. / Quando la baci / proprio sull'occhio / sensibile dell'universo / ricordaci alla sua dolce rabbia.

 

Semen

Dreumma, petchiou, dreumma,

dreumma dedeun ta sémen;

dreumma, petchiou, dreumma,

dreumma deun lo sondzo

d'ëtre jamë ëtoù.

(Da Ecolie = Acque perdute, Musumeci, 1991)

 

Seme - Dormi piccolo, dormi, / dormi nel seme; / dormi, piccolo, dormi, / dormi nel sogno / di non essere mai stato

 

Lenva

Dze predzo de viëille paolle

nëssuye avouë ma tseur viventa,

ëpanduye deun lo meun cervë

pe se barme euncougnuye

et sortuye comme de meusecca di ten

fouettéye de ma lénva,

de son crèissu pe de siécle su de botse améye,

chouedzjà et battu euntre le den di ten,

sortu de la via

comme de sourie et de querrio

et comme euna moffa de douleur

dessu le tormen de la tseur

et di coeur.

(Da Ecolie = Acque perdute, Musumeci, 1991)

 

Lingua - Parlo antiche parole / nate con la mia carne vivente, / sbocciate nel mio cervello / nei suoi antri sconosciuti / e scaturite come musica del tempo / frustate dalla mia lingua, / suoni cresciuti per secoli su bocche amare, / lisciati e sbattuti tra i denti del tempo, / scaturiti dalla vita / come sorrisi e grida / e come un muschio di dolore / sul tormento della carne e del cuore.

 

Botou

Te passe protso la bôtou

et te sen son ala de lemëye,

deun son regar l'y est totta ta via,

meriaou de l'ëmadze vrèya,

l'idé féte fourma et matchie.

Paài, te perd le-s-aoure

et le menute et le dzor

pe tsertchë la brillenta apparechon

i.fon de tcheut le sourie,

pe l'apercèivre que vequèi,

euncoa et todzor,

la riénta fourma

de cen que sémble di noutro ren.

(Da Ecolie = Acque perdute, Musumeci, 1991)

 

Bellezza - Ti passa accanto la bellezza / e senti la sua ala di luce; / nel suo sguardo c'è tutta la tua vita, / specchio dell'immagine vera, / l'idea fatta forma e materia. / Così sciupi le ore / e i minuti e i giorni / per cercare la splendente apparizione / nel fondo di ogni sorriso, / per scorgerla che vive, / ancora e sempre, / la ridente forma / di ciò che appare del nostro nulla.

 

I testi e le traduzioni sono tratte dal sito Italian Dialect Poetry, curato da Luigi Bonaffini, un sito molto ricco e interessante sui dialetti italiani.